Tu sei qui

Storia dell'Ordine di Malta

Storia dell'Ordine di Malta

1048
Alcuni mercanti dell’antica repubblica marinara di Amal" realizzano a Gerusalemme una chiesa, un convento ed un ospedale nel quale assistono i pellegrini di ogni fede o razza. Vivono in comunità monastica come religiosi.
1113
Approvazione dell’Ordine con la bolla di Papa Pasquale II. Con la creazione del Regno di Gerusalemme da parte dei Crociati all’inizio del XII secolo, l’Ordine assume dei compiti militari a difesa dei territori conquistati ed anche di protezione dei malati e dei pellegrini. La difesa della fede assume sempre più importanza.
Come insegna viene adottata la croce bianca ottagonale in campo rosso; ancora oggi questo è il simbolo dell’Ordine.
1291
Dopo la caduta di San Giovanni d’Acri, ultimo bastione della cristianità in Terra Santa, l’Ordine si ritira nel...
1310
...sull’isola di Rodi.
In difesa della cristianità l’Ord ine arma una potente !otta per controllare il Mediterraneo orientale e si impegna in numerose e celebri battaglie. All’inizio del XIV secolo viene creata l’organizza zione dell’Ordine ed i Cavalieri, che giungevano a Rodi da ogni parte d‘Europa, si riuniscono in base alle lingue parlate (Provenza, Alvernia, Francia, Italia, Aragona, Inghilterra e Germania, più tardi quella di Castiglia).
1523
Dopo sei mesi di assedio e di cruenti combattimenti contro la !otta e l’esercito del Sultano Solimano il Magnifco, i Cavalieri sono costretti ad arrendersi e con l’onore delle armi devono abbandonare l’isola di Rodi.
1530
L’isola di Malta viene ceduta all‘Ordine dall’imperatore Carlo V. Si stabilisce che l’Ordine debba rimanere neutrale nel caso di guerra tra nazioni cristiane.
1538
Il baliaggio di Brandeburgo diventa protestante e la comunità mantiene il nome del suo Patrono. Il nuovo Ordine di San Giovanni e l’Ordine di Malta continuano "no ad oggi il loro impegno comune a favore dei bisognosi.
1565
I Cavalieri sotto l’egemonia del Gran Maestro Fra’ Jean de la Valette difendono l’isola di Malta dal grande assedio degli Ottomani per più di tre mesi. La capitale ed il porto vengono fortificati e la città prenderà il nome di «Valletta».
1571
L‘Ordine partecipa alla battaglia di Lepanto e contribuisce alla distruzione della potenza navale ottomana.
1798
In viaggio per la campagna d’Egitto, Napoleone Bonaparte occupa Malta per la sua posizione strategica. I Cavalieri sono costretti ad abbandonare l’isola, anche perché la regola dell’Ordine impediva loro di prendere le armi contro altri Cristiani.
1802
L‘Ordine non potè più rientrare a Malta, sebbene il trattato d’Amiens ne riconoscesse i diritti sovrani sull’isola.
1834
L’Ordine si stabilisce definitivamente a Roma dove possiede, garantiti dall‘extraterritorialità, il Palazzo Magistrale in via Condotti 68 e la Villa Magistale sul colle Aventino.
Da questo momento l’Ordine non s’impegna più in attività militari e la missione originaria dell’assistenza ospedaliera ed il servizio ai bisognosi ritorna ad essere la sua attività principale.
Durante la prima e la seconda guerra mondiale vengono intensificate le attività caritative in ogni parte del mondo. Si creano così numerose associazioni nazionali.

Ordine di Malta in Svizzera

1961
Fondazione dell‘Associazione Elvetica dell’Ordine di Malta. Attualmente conta circa 200 membri.
1974
Fondazione del Servizio Ospedaliero dell’Ordine di Malta (SOOMS). Oggi conta circa 1000 membri.