Tu sei qui

The Lebanon Project-La storia

Quando fece il suo primo viaggio in Libano nel 1997, un giovane tedesco di nome Franziskus Heereman venne a contatto con la dura realtà delle condizioni di vita delle persone handicappate di questo paese. Visitando le varie case di accoglienza per handicappati si rese conto della scarsità di mezzi materiali e umanitari messi a disposizione dal governo per i più bisognosi della società. Questo giovane di 20 anni riconobbe subito la necessità di un cambiamento in quell’ambito e decise di ritornare l’anno seguente con 27 amici. Insieme avevano deciso che avrebbero invitato i loro “ospiti” handicappati per una vacanza nelle montagne a nord di Beirut. Questa vacanza fu la prima di una lunga serie che si trasformò in un progetto dell’Associazione dei Giovani dell’Ordine di Malta tedesco e che si estese, e si estende tutt’oggi, ai Giovani dell’Ordine di Malta inglese, francese e olandese.

In seguito a questo progetto di campi estivi per handicappati, se ne formò un altro che prese il nome di “Caravan”. Il suo obiettivo è quello di mandare tutti gli anni una dozzina di giovani volontari europei in Libano. Parallelamente ad una formazione universitaria in lingua, storia civica e cultura araba presso l’Università Saint Joseph, ogni volontario di impegna ad offrire una presenza regolare nelle case di accoglienza per handicappati di Beirut e dintorni sull’arco di un anno.

Su invito dell’Associazione dell’Ordine di Malta libanese, nel settembre del 2014 sei volontari svizzeri, tra cui Matthieu Michel, che già aveva partecipato al progetto “Caravan” e Valentine Bulliard, che aveva guidato più volte la delegazione Svizzera al Campo Internazionale dell’Ordine di Malta, hanno raggiunto la squadra di volontari tedeschi a Beirut, nella speranza di fondare un progetto svizzero di campi estivi per handicappati in Libano.

Sulla scia del grande successo di questo progetto pioniere, il comitato del Servizio Ospedaliero dell’Ordine di Malta in Svizzera (SOOMS) ha preso la decisione di sostenere questo progetto, ribattezzandolo The Lebanon Project e rendendolo dal 2015 un proprio progetto ufficiale, con Valentine Bulliard e Matthieu Michel alla sua guida.
Nel 2016 Matthieu Michel ha affidato il ruolo di responsabile dei campi estivi in Libano (Mas’oul) a Matteo Frey. Nel 2017 Valentine Bulliard ha trasmesso il ruolo di “leader” del progetto a Francesco Brenni.